In questo sito trovi informazioni e indicazioni particolari sulle cure naturali per ogni malattia. Ma non dimenticare di leggere anche l'introduzione. Alcuni disturbi sono collegati tra loro. Segui i link Argomenti del sito per avere un quadro completo della situazione.


Addome


Schiena


Area sessuale femminile


Area sessuale maschile


Testa


Vescica


Pronto Soccorso


Terapie Miracolose

2a CHIAVE: RILASSARSI

Print

Abbiamo già visto come la muscolatura profonda funzioni al di fuori del controllo razionale. Paure, ansia, posizioni sbagliate, cattiva respirazione fanno sì che inavvertitamente teniamo contratti i muscoli profondi. Questo provoca difficoltà di circolazione del sangue e un insufficiente afflusso di plasma alle cellule, che quindi tendono a deteriorarsi più del dovuto.
Ad esempio, dopo troppe ore passate a lavorare alla scrivania ci troviamo, senza avvertirlo, con la muscolatura profonda di collo, nuca e spalle contratta. Il sangue defluisce male dalla testa, aumenta così la pressione e ci viene il tipico mal di testa di tipo "pulsante". Sarebbe sufficiente rilassare quei muscoli per non sentire più il male.
Un altro esempio è la gastrite, che può portare all'ulcera, cioè al danneggiamento dei tessuti dello stomaco. Tutto inizia con il nervosismo, che mette in tensione i muscoli del ventre...

Sperimenta quanto la tua muscolatura profonda è tesa

Ci sono diversi modi per farlo.
Prova a fletterti verso il pavimento arrivando il più possibile in basso con le mani (senza piegare le ginocchia). Non importa quanto ti pieghi. Memorizza a che altezza arrivi. Poi siediti comodo e massaggiati tutta la metà sinistra del corpo (o la destra, è indifferente). Inizia dalle dita del piede e sali fino al sedere, poi massaggia spalla, metà del collo e della testa, braccio e mano. Massaggia ogni punto, ma solo della metà sinistra del tuo corpo, cercando di praticare con la mano una pressione che sia gradevole. Puoi frizionare, grattare, accarezzare, massaggiare in profondità. Fai su ogni punto quel che più ti piace fino a che ti piace. Devi impiegare in questo massaggio almeno otto minuti.
Poi rialzati e riprova a fletterti. Vedrai che la parte sinistra è molto più sciolta ed elastica. La mano sinistra arriva molto più in basso della destra. Il massaggio ha rilassato i muscoli profondi. Ti rendi conto di quanto erano contratti? (Ora però massaggia anche l'altra metà del corpo, sennò ci rimane male).
Quando sei stanco, quando sei teso, quando non riesci a prender sonno, quando vuoi aumentare il tuo piacere, allargare le tue percezioni, prepararti a uno sforzo, ricordati di respirare e anche di rilassarti. Ci sono tre modi per farlo a seconda delle zone sulle quali vogliamo agire.

1 • Rilassare la muscolatura profonda con il MOVIMENTO RALLENTATO
La contrazione muscolare può essere causata, oltre che da posizioni sbagliate, anche da tensioni emotive, paure o angosce. Molte persone per auto rassicurarsi contraggono una parte del corpo, il ventre, il pube, le ginocchia o altro. Proviamo con una mano che è più facile.
Sdraiati, chiudi gli occhi, rilassati e inizia a chiudere una mano al rallentatore. Tutta la difficoltà di questo esercizio sta nel capirsi sul termine "al rallentatore". Intendo proprio dire di cercare di muoversi il più lentamente possibile, in modo che il movimento sia impercettibile. Più è lento, più è efficace. All'inizio avrai un po' di difficoltà a farlo e la mano si muoverà a scatti, non preoccuparti e cerca di muoverti ancora più piano.
Dopo un minuto circa (se sei abbastanza lento) sentirai un formicolio, un aumento di peso o un aumento di calore nella mano.
Questo è il segnale che l'esercizio funziona. Sei riuscito a rilassare completamente i muscoli profondi che perciò non comprimono più vene e arterie, così il sangue scorre più abbondante e provoca sensazioni di calore, formicolio o aumento di peso. Questa ginnastica rilassante è la più semplice del mondo. Non funziona soltanto con i muscoli del ventre, che vedremo poi come rilassare.
Per il resto, puoi muovere qualunque parte di te in qualunque modo e ottenere rapido un sollievo per qualunque dolore causato da contrazione muscolare. Ricordati che il movimento non deve essere ampio, le torsioni vanno solo accennate. Piccoli movimenti lentissimi. Abbiamo detto che generalmente il mal di testa è causato dalle contrazioni della muscolatura profonda. Per farlo passare è sufficiente ruotare testa e spalle di qualche centimetro (sempre super lentamente). Attenzione: evitare ogni movimento doloroso. Il dolore provoca contrazione e quindi rende tutto inutile.

2 • Le zone del ventre traggono poco beneficio dai movimenti rallentati. Per agire su di esse ci sono due modi. Il primo è di limitarsi ad ascoltare le zone contratte senza fare nulla. Provaci, vedrai che non fare nulla non è facilissimo come può sembrare. Siamo sempre portati ad agire. Se invece contempli la contrazione, dopo meno di un minuto inizia generalmente a sciogliersi. Se con il sistema dell'ascolto non ottieni un beneficio completo, prova con un'altra tecnica. Immagina che l'organo da rilassare sia un palloncino pieno d'acqua. Bisogna sentire come questo si adatta alla semplice pressione della forza di gravità. Immagina che si deformi proprio come se fosse appoggiato sopra un tavolo (la conformazione dell'organo-palloncino cambia se cambi posizione e stai seduto o sdraiato sul ventre o sulla schiena o sul fianco). Via via che prenderai confidenza con il rilassamento e ti ricorderai di usarlo per combattere tensioni, stanchezza e piccoli malesseri, ti renderai conto che se sei rilassato stai meglio, sei più in forma, sei più attraente perché il tuo viso non è teso e quando il tuo stato d'animo è rilassato le persone ti stanno vicino con più piacere, perché la morbidezza dà fiducia. Potrai affrontare meglio qualunque sforzo fisico, partendo da uno stato di distensione muscolare. Sarai più ricettivo e predisposto a far lavorare in sinergia mente razionale e irrazionale. Infine, via via che sperimenterai il potere dei nervi distesi, apprezzerai sempre di più la calma che ti permette di reagire più efficacemente davanti alle difficoltà. Lo so che a questo punto avresti preferito che ti dicessi che se stai in relax non incontrerai mai più le incresciose difficoltà della vita. Purtroppo la mia religione mi vieta di sparare balle così grosse. Però ti posso dire che... la calma è tranquillizzante, dà fiducia, aiuta a ragionare, è affascinante e migliora i rapporti con gli altri.

3a CHIAVE: RESPIRARE

Print

La terza chiave è la più semplice. Per questo è veramente difficile. Ma se supererai la difficoltà di conquistare qualche cosa di molto piccolo avrai fatto un passo gigantesco.
Qualcosa di veramente banale: RESPIRARE

Lo facciamo tutto il tempo da quando siamo nati. Non abbiamo mai smesso. È la cosa che abbiamo fatto di più. È un continuo. Ma hai mai provato ad ascoltare veramente il respiro? Prova!

Respira
Respira
Respira
Respira
Respira
Respira

Respira. È da qui che cominci a cambiare le sensazioni che la vita ti dà! Pigramente impegnandoti nella pratica più semplice del mondo. Puoi fare quel che vuoi ma non puoi smettere di respirare. Se lo fai sei morto. Lo sai. Se respiri sei vivo. Se respiri di più sei più vivo? Sì, il respiro è la chiave che apre alla vita. Assapora il tuo respiro!

IL NOSTRO CORPO È NATO PER IL PIACERE

IL RESPIRO APRE I RECETTORI DEL PIACERE
SE AUMENTI L'ARIA CHE ENTRA NEI TUOI POLMONI ALZI IL VOLUME DEI RECETTORI DEL PIACERE

I RECETTORI DEL PIACERE SONO UNA COSA OTTIMA.
VANNO ESERCITATI, VANNO SVILUPPATI E, SOPRATTUTTO, GODUTI.

IMPARA A RESPIRARE

1° RIEMPI I POLMONI FINO IN FONDO
il 50% delle persone non li riempie fino in fondo

2° SVUOTA I POLMONI FINO IN FONDO
l'altro 50% delle persone non li svuota fino in fondo

NON FARLO SFORZANDOTI FALLO MORBIDAMENTE
Tu sei pigro

MUOVI IL DIAFRAMMA
Cosa succede quando il diaframma si muove
• Si svuotano e si riempiono alcune zone dei polmoni che hanno la funzione di "riserva d'aria" (questa funzione si svolge in modo completo, ad esempio, durante lo sbadiglio. Proprio per questo sbadigliare è così bello).

PROVA A SBADIGLIARE
• Respirando profondamente in modo rilassato si muovono stomaco, intestini, vescica, retto e visceri vari. Questo movimento favorisce il rilassamento del ventre e il buon funzionamento di tutte le funzioni. L'afflusso di più sangue dotato di una maggior quantità di ossigeno galvanizzano i recettori del piacere e li mette in uno stato dionisiaco di esaltazione.

COME SI MUOVE IL DIAFRAMMA
Prova a sbadigliare. Inizia eseguendo dei finti sbadigli. Dopo qualche tentativo lo sbadiglio diventa vero e irrefrenabile. Ascoltalo, verso la fine si sente una lieve sensazione di piacere alla bocca dello stomaco. È il diaframma che si muove. Identifica questa sensazione. Fotografala. Continua a sbadigliare finché non l'avrai riconosciuta bene.
Ora inizia a respirare immaginando (come al solito) di risentire questa sensazione di piacere mentre inspiri e espiri. Dopo un po' la sentirai davvero. Ecco. Stai respirando muovendo il diaframma. Riempire e svuotare bene i polmoni, e rilassare il ventre fino al pube, ti risulterà più facile.

Ora sai come si respira
Adesso sperimenta una novità impegnativa

UN MINUTO DI RESPIRAZIONE PROFONDA
Inizia a respirare in maniera profonda

Continua a fare respiri lunghi, profondi e lenti, riempiendo i polmoni fino in fondo, e svuotandoli poi completamente. Dopo poco sentirai un lieve giramento di testa. Dipende dal fatto che la respirazione profonda provoca un aumento dell'ossigenazione del sangue, quindi arriva più ossigeno al cervello. Ti senti un po' come se avessi bevuto un bicchiere di vino? Percepisci una lieve ubriacatura? Osserva questa sensazione di vertigine. A volte può succedere che sia fastidiosa o che ti vengano in testa pensieri preoccupanti. NON AVERE PAURA CHE TI FACCIA MALE.

PRATICAMENTE: il respiro è una droga naturale, curativa, legale e gratuita!

Non fare nulla.
Limitati a sentire la sensazione.
Lascia correre i pensieri senza
dedicar loro energia.
Il disagio svanirà.
Il giramento di testa resterà come
uno "stato strano" ma non sgradevole.
Quando rilassandoti
arriverai a un livello
più completo di abbandono,
passerai sempre attraverso
uno stato di malessere.
È una specie di porta che devi superare.
Via via che imparerai
e raggiungerai stati
di abbandono più profondi,
troverai altre porte, aperte
su altri stati di coscienza.
Queste porte sono
contraddistinte da momenti di ansia,
vertigine, malessere.

CIÒ SUCCEDE PERCHÉ SIAMO VITTIME DI UN ERRORE
Tutto inizia nella primissima infanzia. La maggioranza di noi sono stati divisi, alla nascita, dalla madre e portati nella nursery insieme ad altri neonati che strillavano perché volevano la mamma. Nessun altro mammifero viene trattato così. La natura ha predisposto infatti che nella prima mezz'ora di vita il cervello del neonato registri tutte le caratteristiche della madre (il famoso "imprinting" descritto da Lorenz già all'inizio del 1900).
Nasciamo come perfetti esseri selvatici, ma gran parte dei nostri istinti naturali vengono negati. Siamo costretti a dormire da soli, spesso non veniamo allattati al seno, poi, invece di esser nutriti direttamente dalla bocca con fantastico cibo premasticato, ci insegnano a usare il cucchiaio e a ingurgitare disgustose pappine omogeneizzate e conservate.
Lo so che adesso come adesso l'idea del cibo premasticato ti fa schifo. Ma quando eri un animaletto la pensavi diversamente. I bambini sono stati nutriti così fino a pochi decenni fa. Ma i comportamenti più normali ci sono stati talmente negati che ora li troviamo vomitevoli.
Il modo di comunicare, la scarsità di contatti fisici, i vestiti, i pannolini, gli odori... Tutto ci pareva allora scandalosamente senza senso. E lo abbiamo vissuto come un sopruso. Non potevamo capire cosa stava succedendo, non potevamo comunicare il nostro disagio, le nostre richieste di aiuto non venivano capite. E questo fece sì che dentro di noi si sviluppasse la paura, ANZI
IL TERRORE

Così è scattata dentro di noi la molla primordiale dell'allarme davanti al pericolo.

L'istinto di conservazione è una cosa tanto stupida che ce l'hanno anche le zanzare. Le aiuta a distinguere tra se stesse e la mano che le sta per spiaccicare.

NELLA NOSTRA MENTE L'ISTINTO DI CONSERVAZIONE HA PRESO IL POTERE

L'istinto di conservazione è molto utile, ti permette di capire che
c'è differenza tra te e il treno che sta per investirti (e che è meglio che ti sposti).

Si tratta di un meccanismo complesso che regola le nostre reazioni seguendo una procedura elaborata in milioni di anni. Sicuramente la miglior procedura, in caso di pericolo.

L'ISTINTO DI CONSERVAZIONE AGISCE IN MODO MOLTO SEMPLICE. È CONVINTO CHE PER SALVARSI C'È BISOGNO DI TUTTE LE ENERGIE, QUINDI CONTINUA A RIPETERTI: «SE CE LA METTI TUTTA TI PUOI SALVARE»

Non importa se non c'è nessuna possibilità di salvarti da una carica di 500 bisonti imbufaliti, se per caso ti salvi aveva ragione, se muori saresti morto comunque. Questo modo di pensare suscitato dall'istinto di sopravvivenza provoca però effetti rovinosi.
Quando ti succede una disgrazia, anche se non avevi nessuna possibilità di evitarla, tu sei convinto comunque che "se ce la mettevi tutta potevi salvarti".
Sarà sicuramente successo anche a te. Sai benissimo che non potevi fare niente per impedire quel disastro, sai che non hai nessuna responsabilità, eppure continui a sentirti in colpa perché dentro di te un meccanismo primitivo e stupidissimo continua a urlare: SE CE LA METTEVI TUTTA LO POTEVI EVITARE. È COLPA TUA! IMBECILLE (Non lo fa per cattiveria. È una stupidità automatica. Involontaria).

Ora è chiaro che non potrai mai entrare in uno stato di abbandono profondo ma potrai gioire della vita se deciderai dentro di te che non hai colpa per ciò di cui non hai colpa. Spiegalo al tuo Istinto di Conservazione. Digli che si sbaglia, e perdonati.
Hai delle vere colpe?
Hai commesso crimini orrendi?
Allora guarda ciò che hai fatto.
Rivivi il dolore provocato da te.
Il dolore che hai finto di non vedere.
Contempla la vita che hai negato e perso.
Vivi il lutto per ciò che hai distrutto.
Poi però perdonati e volta pagina.
Negarti il presente è un crimine
contro l'umanità e la vita
che non cancellerà il tuo passato.

SCIOGLI IL SENSO DI COLPA
Devi farlo davvero. Mettiti in un posto tranquillo, guardati dentro e dì a te stesso, a voce alta, che ti perdoni. Farlo è indispensabile. Devi sentire che ti perdoni e proiettare un sorriso verso tutto il tuo essere. Solo così il messaggio di perdono, arriverà anche al tuo subcosciente (se non comunichi a tutto te stesso il tuo perdono, rischi di andare in giro con un killer annidato nel subconscio. Ha ricevuto un contratto per ucciderti e non avrà tregua finché non sarai morto).

MA NON È FINITA QUI! (purtroppo)

L'ISTINTO DI SOPRAVVIVENZA FA ANCHE UN'ALTRA COSA: È CONVINTO CHE PER SOPRAVVIVERE DEVI STARE SEMPRE PRONTO A DIFENDERTI

Puoi essere
sotto un bunker
con cibo per 100 anni
e una persona che ti ama
e l'Istinto di Sopravvivenza
continua a ripeterti:
«Ci sono i bisonti stai all'erta!»
«Ci sono i bisonti stai all'erta!»
e tu senti che c'è qualche cosa che non va
e magari dai la colpa a te stesso
o all'altra persona.
Bisogna imparare a riconoscere
queste reazioni e osservarle.
Sono all'origine di continue tensioni,
mentali, muscolari ed emotive.
Il comportamento dissennato
dell'Istinto di Sopravvivenza
è anche il motore della difficoltà
nel provare piacere.

Infatti
l'Istinto di Sopravvivenza è convinto che per sopravvivere ha sempre bisogno di tutte le energie disponibili.
Quindi spegne i sistemi biologici non indispensabili in un momento di pericolo.
La prima cosa che viene spenta sono i

RECETTORI DEL PIACERE

Questo è il quarto disastro causato dall'Istinto di Sopravvivenza

1° disastro:
PERDITA DEL SENSO
DI COMUNIONE
CON L'UNIVERSO;
VIVI IL MONDO
COME UNA MINACCIA
E FINISCI IN SOLITUDINE.

2° disastro:
SENSO DI COLPA

3° disastro:
STATO DI ALLARME
PERMANENTE, TENSIONE
MUSCOLARE ED EMOTIVA

4° disastro:
BLOCCO DEI SENSORI
DEL PIACERE

Tutti i meccanismi provocati dall'Istinto di Sopravvivenza agiscono simultaneamente quando passi a uno stato di rilassamento più profondo.
- Il senso di unione col mondo
- la rinuncia al senso di colpa
- l'abbandono della tensione mentale
- la riapertura dei sensori del piacere
- il rilassamento muscolare

GETTANO NEL PANICO L'ISTINTO DI SOPRAVVIVENZA

Non che sia cattivo, è solo stupido. Devi prenderlo con calma e spiegarglielo. Diglielo: «Senti tu, testa di zanzara, ma lo sai che ci sono altri Istinti di Sopravvivenza più gentili e più intelligenti di te che sono meno assillanti? Ma lo sai che mi provochi la gastrite e poi sono tanto teso che rischio di ammazzarmi cadendo giù dal letto? Che poi lo sanno tutti che il grande karateca colpisce nel relax del vuoto della sua mente. Altro che bisonti. Non ce n'è neanche più di bisonti. Modernizzati! Pirla!»
Lui ci resta malissimo e la smette di rovinarti la vita.
Chiarito questo problema delle paure inconsce riprendiamo il discorso sul respiro.

RESPIRARE È IL MODO PIÙ SEMPLICE PER FAR SCAPPARE I BISONTI

Respirare apre i recettori del piacere

Ora prova a rifare l'esperimento di respirare profondamente, ma stavolta continuando per tre minuti. Te ne accorgerai subito.
• La tua capacità di vedere aumenta e tutto diventa più luminoso.
• Senti i suoni più nitidi.
• Prova ad assaggiare qualche cosa, vedrai che i sapori sono più forti.
• Prova a toccare una superficie, la percepirai con maggiore definizione.

Se respiri profondamente anche far l'amore diventa diverso. Senti di più il tuo partner.

Nei film fanno sempre vedere la gente che si ama ansimando. Fanno respiri corti e superficiali. È una cazzata colossale.

Se mentre provi piacere inspiri profondamente, sentirai che questa sensazione gradevole si espande dentro di te e dura più a lungo.

Respira profondamente, stando rilassato mentalmente e muscolarmente, e sentirai che anche l'orgasmo diventa più potente e dura più a lungo.

Respirando ti abbandoni al flusso, e tutto scivola via meglio e ti dà più soddisfazione. Respirare aiuta anche di fronte alle difficoltà. Dà forza, rende sopportabile la paura, risveglia le capacità inconsce. Tirare un bel respiro di sollievo, infine, allevia la tristezza perché allenta la morsa pessimista e paranoica dell'istinto di sopravvivenza.

Respirare ti aiuta a spegnere la mente razionale passando al circuito mentale inconscio. Respirare incentiva il buonumore, predispone al ridere. E, come abbiamo visto, ridendo si provoca un'iperossigenazione dei polmoni.
• Respirare.
• Riconoscere che certi stati d'ansia dipendono da un errore dell'istinto di sopravvivenza e non temere gli attacchi d'angoscia che accompagnano certe fasi del rilassamento.
• Usare il respiro per calmare l'ansia e aumentare il piacere.
Facendo questo consciamente per qualche giorno ti impadronirai della terza chiave. Anche questa si svilupperà nel tempo. Infatti ti verrà spontaneo e abituale influenzare il tuo modo di essere e di sentirti respirando. Quest'abitudine è sufficiente perché tu non ti senta un recettore passivo di sensazioni provocate da quel che ti succede.
No! Se vuoi, puoi alzare il volume. Hai uno strumento per modificare le tue sensazioni e il tuo stato d'animo. Avrai curiosità di verificare quanto potere su di te questo ti dia e così, con la pratica casuale, il respiro si affinerà e otterrai risultati sempre più gratificanti.

Il canale Youtube della Libera Università di Alcatraz

Commercioetico.it

Pubblicità

Gruppo di acquisto Energia Arcobaleno

Pannelli solari termici e fotovoltaici, impianti micro e mini eolici, energia rinnovabile per la tua casa. Guarda tutti i servizi offerti da Energia Arcobaleno

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di
Cacao Il Quotidiano
delle buone notizie


Iscriviti - cancella
Iscriviti al Cacao della
Domenica di Jacopo Fo


Iscriviti - cancella

Sostieni questo sito

Diventa Socio...

Fai una libera donazione

Yoga Demenziale

Yoga Demenziale Jacopo Fo

Tutto sullo YOGA DEMENZIALE di Jacopo Fo
CLICCA QUI

Ecologia, Benessere

Cosmesi naturale Commercioetico.it

Cosmesi Naturale per il corpo. Il meglio delle materie prime lavorate secondo criteri di ecosostenibilità.

Acqua, risparmio idrico, risparmio energetico

Risparmio idrico e risparmio energetico. Tecnologie per la tua eco-casa.

Imbottite di bambagia di seta pura

Imbottite di bambagia di seta pura. La migliore coperta possibile.

Ecovillaggio Solare

Ecovillaggio Solare Alcatraz

Chi c'è online

We have 497 guests and no members online

Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati. Il sito utilizza anche cookie di terze parti a fini statistici. Se accedi a qualunque elemento sopra questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per capire meglio l'uso che facciamo dei cookie leggi la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie di questo sito

EU Cookie Directive Plugin Information